Chi siamo
Nettuno, agosto 1967. Un altro mondo

nettunoL'uomo dovevancora sbarcare sulla luna, il divorzio era illegale e il "Cuore matto" di Little Tony faceva ballare i giovani sulle spiagge. Non erano ancora gli anni di piombo, ma non erano già più gli anni del boom economico. Si cercava una nuova identità e un nuovo modo di vivere. Nel mondo, in Italia, nel Lazio.

Anche Nettuno si inserisce in questa ottica. Nasce allora il Vittoria, uno degli Stabilimenti storici della zona, accanto al porto turistico.

E nasce con mille colori. Ombrelloni rossi, gialli, verdi, pieni di fiori. Uno diverso dall'altro. Come i costumi delle signore.Si celebra l'estate e lo si fa nel modo più vistoso possibile. Non c'è bisogno di distinguersi dagli altri stabilimenti perchè gli altri stabilimenti semplicemente non ci sono. Quello che serve è farsi notare. Ecco perchè i colori che si inseriscono perfettamente nel contesto cittadino.


nettunoAll'azzurro del mare di Nettuno, infatti, contrappone anche il verde dei suoi boschi, selve e parchi, che ne migliorano il clima e ne abbelliscono il paesaggio. Ma i colori ed i fiori sono anche una precisa scelta di chi lo Stabilimento Vittoria lo inaugura: Luigi Della Bella. Allora il Vittoria occupava solo 2500mq, era in muratura ed ospitava al massimoun centinaio di persone.

Oggi lo stabilimento Vittoria occupa 12.500mq, ospita 500 ombrelloni contro i 100 degli Anni Sessanta, tutti bianchi e blu. Serve per distinguersi dagli altri innumerevoli stabilimenti.

All'interno della nostra struttura si possono trovare un ristorante, un bar, un'area colonie e un campo da calcetto e si offrono una serie di opportunità, in modo da soddisfare tutte le richieste e tutte le tasche.